MANDIC, IL PRIVATO SUBENTRA AL PUBBLICO.

Quello che avevamo temuto e ventilato anche durante la discussione della riforma sanitaria, si è realizzato: il privato pervaderà tutto il pubblico. Succede al Pronto Soccorso dell’Ospedale Mandic di Merate, dove la carenza di medici di PS verrà coperta con l’affidamento del servizio di supporto medico, da parte dell’ASST di Lecco, a una società di Milano i cui professionisti si occupano soprattutto di medicina sportiva. Potrebbe essere però la prima di una lunga serie di situazioni di questo genere. È la dimostrazione plastica che non vi è la volontà di questa Giunta di modificare il rapporto pubblico/privato nella nostra Regione.

Il Pronto soccorso rappresenta un punto essenziale nell’assistenza sanitaria, richiede competenze proprie delle procedure di urgenza e una formazione specifica per quella funzione. Requisiti che non si ha la certezza siano garantiti reclutando personale medico non specializzato.
 
In assenza di programmazione, il privato sarà sempre in competizione con il pubblico e non in sinergia. Il rapporto con il privato non va certo demonizzato ma ha delle dannose storture che, se non reindirizzate, indeboliscono sempre più la nostra sanità pubblica a favore di quella privata, creando un sistema iniquo che finisce per danneggiare i cittadini più fragili.
 
Scelte come questa fanno venire al pettine i nodi dell’incapacità nella gestione della sanità pubblica. La Lombardia, prima regione italiana in termini di popolazione e Pil, in conformità alla normativa, avrebbe potuto da sempre finanziare borse aggiuntive per le specializzazioni più deficitarie come quelle dei medici di PS. Oggi lo scenario nella nostra regione è desolante: meno medici, più costi e più precarietà in sanità. Sarebbe meglio allora pensare e provare ad affidarsi piuttosto a interventi, possibilmente temporanei, con le tante cooperative di medici, ad esempio. E poi vanno resi attrattivi certi siti, magari con incentivi rivolti ai medici, soprattutto giovani e specializzandi.

Aggiungi ai preferiti : permalink.

I commenti sono chiusi.