PROGRAMMA REGIONALE MOBILITA’ E TRASPORTI

Il provvedimento che, a mio giudizio, è di maggiore interesse per la vita dei cittadini lombardi e che è stato “licenziato” negli ultimi mesi è quello del Programma regionale mobilità e trasporti, approvato dal Consiglio Regionale martedì 20 settembre.

Si tratta di un piano importante in quanto prevede gli interventi nel settore della mobilità e del trasporto per i prossimi cinque anni in Regione Lombardia.

Il nostro gruppo consiliare ha espresso al riguardo voto negativo, in quanto a nostro giudizio questo programma avrebbe dovuto avere l’obiettivo di indurre i cittadini a spostarsi dall’uso del mezzo privato a quello pubblico con l’obiettivo di migliorare la qualità dell’aria e della vita dei lombardi. Purtroppo questo PRMT non lo fa, in quanto prevede ancora, per la maggior parte, forti investimenti su strade ed autostrade e per questa ragione riteniamo si tratti di un’occasione persa.

mobilita

Il bilancio non è però totalmente negativo. Sono stati infatti approvati dal Consiglio regionale tre ordini del giorno proposti dal sottoscritto, con cui sono stati ottenuti impegni importanti:

  1. il cadenzamento delle corse, cioè un treno ogni mezzora, sulla linea Tirano-Lecco-Milano, nonché, per la stessa linea, una serie di impegni specifici, in particolare la progressiva introduzione di materiale rotabile moderno e la costante manutenzione dello stesso, interventi tecnologici per velocizzare i treni fra Carnate, Monza, Greco Pirelli e Milano Porta Garibaldi e la rimodulazione dell’offerta nei giorni festivi, nei mesi estivi e nel periodo natalizio con materiale atto anche al trasporto di bici, per valorizzare anche l’aspetto turistico;

  2. la realizzazione del doppio binario nelle stazioni di Sala al Barro e di Biassono sulla linea S7 (Lecco Molteno Monza Milano);

  3. incentivi ai Comuni per la realizzazione dei parcheggi di corrispondenza nelle stazioni.

Si tratta di elementi significativi che si aggiungono ai risultati già ottenuti in Commissione V (vedi la mia newsletter precedente):

  1. la realizzazione di un punto di comunicazione nella stazione di Olgiate Molgora, per evitare il blocco della linea come succede oggi in determinate circostanze,

  2. la velocizzazione della linea S7 (“Besanino”),

  3. la previsione di giungere ad un cadenzamento orario della linea Lecco Como.

Aggiungi ai preferiti : permalink.

I commenti sono disattivati