SPECIALIZZIAMO I PRESIDI OSPEDALIERI!

Gli ospedali di territorio, quelli più vicini ai cittadini, rispondono meglio ai bisogni delle comunità e quindi devono rimanere in vita. Ma possono farlo solo se nei fatti non li si depotenzia e se ciascuno di essi diventa riconoscibile per alcune specialità che vi vengono svolte. È questo uno dei concetti che ho espresso nel corso del mio intervento in aula durante la maratona sulla riforma sanitaria.

La specializzazione dei presidi ospedalieri, in particolare quelli classificati come Dea di primo livello, è un tema importante e che mi sta particolarmente a cuore. Non sfuggono a nessuno due elementi che difficilmente stanno insieme: da una parte l’importanza, per un sistema sanitario realmente prossimo al cittadino-paziente, di presidi ospedalieri sul territorio, che devono essere potenziati, resi stabili e anche ‘appetibili’. Dall’altra, la difficoltà a mantenere queste caratteristiche, per due ragioni fondamentali: la tendenza ad accentrare le funzioni più specialistiche e caratterizzanti negli ospedali hub e il fatto che spesso presidi ospedalieri contermini fanno in realtà le stesse cose e dunque possono costituire uno spreco e un doppione.

Quale la soluzione che abbiamo proposto con uno specifico ordine del giorno? Una riorganizzazione del sistema degli ospedali lombardi secondo una visione di insieme, che punti a sviluppare per ciascun presidio alcune specialità in modo da innalzare la qualità dell’offerta sanitaria di un territorio, tenendo insieme secondo una visione integrata il ruolo dei medici di base, delle case di comunità e dei reparti ospedalieri.

Nello stesso tempo sarebbe veramente importante definire e scrivere le regole di garanzia per i presidi DEA di primo livello, come il Mandic di Merate, in modo da evitare che gli spostamenti di risorse e di personale siano decisi nelle singole realtà aziendali con criteri non omogenei, dal momento che Regione Lombardia non pubblica standard minimi e non ha dunque una capacità di controllo su quanto avviene in concreto.

Aggiungi ai preferiti : permalink.

I commenti sono disattivati