TRENI, STRANIERO: “ANCORA UNA SPARTIZIONE POLITICA, MA SULLA PROVINCIA DI LECCO MANCANO GLI INVESTIMENTI”

“Fino a oggi solo annunci e una spartizione politica senza criteri di merito”, è il commento di Raffaele Straniero, consigliere regionale del Pd, alla notizia dell’annuncio da parte dell’assessore ai Trasporti Terzi di investimenti sulla rete ferroviaria in concessione a Ferrovie Nord per un totale di 94,5 milioni di euro che però esclude completamente le linee lecchesi perché pare saranno di competenza di Rfi.

“In attesa di aver chiaro il quadro dello spacchettamento che già ora sembra  inevitabilmente creare disparità tra tempistiche di investimenti e di servizi, e di sapere dove verranno messi i 160 treni annunciati, Regione Lombardia sembra come sempre aver le idee chiare per la scelta per i ruoli chiave della governance regionale per la società Fnm – prosegue Straniero –. Spiace che per la Giunta Fontana l’appartenenza e la fedeltà siano elementi imprescindibili e mettano in secondo piano ogni altra considerazione, competenza tecnica compresa”.

E per quanto riguarda i mancati investimenti, “anche fossero di competenza di Rfi, la Regione cosa fa? Sta a guardare? Non esercita un ruolo di regia e di stimolo? A me sembra un risultato più che negativo, se si considerano le gravi lacune della nostra rete, in primis il punto di comunicazione mancante a Olgiate o la necessità di velocizzare la linea del Besanino, solo per portare due esempi eclatanti”, aggiunge Straniero.

Il consigliere Pd ha una sola certezza in tutto questo: “Noi vigileremo affinché il servizio ferroviario migliori su tutte le linee e non crei pendolari di serie A e di serie B”.

Milano, 24 luglio 2018

Aggiungi ai preferiti : permalink.

I commenti sono disattivati