Vaccinazioni anti Covid-19: “Lombardia già in ritardo, non si possono commettere gli stessi errori della vaccinazione antinfleunzale”.

I dati del ministero della Salute mettono la Lombardia quindicesimo posto in Italia per il numero di vaccinazioni effettuate in percentuale alle dosi ricevute. Con un misero 2,7% è lontanissima dal 34,8% della provincia autonoma di Trento ma anche dal 20,8% del Lazio.

Molto critico il consigliere regionale del Pd Raffaele Straniero, che dichiara: “Dopo il drammatico flop della campagna vaccinale antinfluenzale ora la Lombardia è già in ritardo per le vaccinazioni anti Covid. Siamo la regione di gran lunga più colpita dalla pandemia e non sono giustificabili altri errori o mancanze. Abbiamo sentito esponenti leghisti fare polemiche sulla distribuzione dei vaccini tra le diverse regioni e tra questi ha spiccato l’europarlamentare Angelo Ciocca, già consigliere regionale, secondo cui era più importante vaccinare i lombardi che i cittadini di altre regioni del centro e del sud. Il fatto è che oggi diverse di quelle Regioni, come ad esempio la Sicilia, sono in grado di fare molto meglio della Lombardia, per non parlare del Lazio. Quella della falsa partenza del vaccino anti Covid-19 è l’ennesima brutta figura della Regione di Fontana e Gallera. Spero che non si commettano altri errori e che nei prossimi giorni si riesca a migliorare e a recuperare il ritardo, perché questa campagna vaccinale la Lombardia non la può sbagliare.”

Aggiungi ai preferiti : permalink.

I commenti sono disattivati